Image

Villa Melzi

Sorge proprio sulla riva del lago. Fu costruita tra il 1808 e il 1813 su progetto dell'architetto Giocondo Albertolli per Francesco Melzi d'Eril, vice presidente della Repubblica Cisalpina e amico di Napoleone che gli conferì il titolo di Duca di Lodi.

La villa, di rigorose linee neoclassiche, è circondata da uno splendido parco che costituisce il primo esempio lariano di giardino all'inglese. Il parco venne realizzato tra il 1811 e il 1815 dal Canonica e dal Villoresi che, per aumentare la sensazione di grandezza ed esaltare alcune prospettive, realizzarono opere colossali livellando terreni o alzando piccoli colli. Anche la distribuzione della vegetazione, apparentemente naturale, fu il frutto di lunghi studi per accrescere l'illusione ottica di sfondi e lontananze.
Tra le piante che adornano il parco vi è una colossale magnolia grandiflora, un enorme gruppo di camelie e molte piante tropicali. Davanti alla Kaffehaus, insolito chiosco di stile moresco, si trova la statua di Dante e Beatrice, opera del Comolli, che ispirò a Listz la "Sonata fantasia dopo la lettura di Dante".
Attorno a un laghetto artificiale, conosciuto come laghetto giapponese, crescono cedri giapponesi, aceri e alberi della canfora, in un insieme di grande suggestione. Tra gli ospiti illustri di questa villa: Napoleone, Eugenio Beauharnais, Francesco Giuseppe e Ferdinando d'Austria, Umberto e Margherita di Savoia.

Orari d'apertura
Da fine Marzo a fine Ottobre tutti i giorni dalle 9.30 alle 18.30
 
 

Contatti

Via Melzi d'Eril 6, Bellagio
Tel.: +39.3394573838
Fax: +39 031950318