Image

Monte San Giorgio, un mare di ricordi

Il Monte San Giorgio svela la storia della terra e della sua evoluzione. È come un libro le cui pagine sono da sfogliare con attenzione. Ogni strato di pietra, attraverso il suo contenuto di reperti fossiliferi, racconta di un tempo lontano che ci riporta in un’epoca difficilmente immaginabile dalla nostra mente. Come era il mondo, come era il Monte San Giorgio 240 milioni di anni fa? Quali forme di vita esistevano in quel luogo che un tempo era una laguna nel mare delle Tetidi ed è oggi un promontorio affacciato sul lago Ceresio?

 

240 milioni d’anni fa il mondo era diverso. Le terre emerse ed i continenti si trovavano praticamente tutti nell’emisfero sud ed erano molto vicini gli uni agli altri. Nel mare della Tetide,  il Monte San Giorgio era circondato da una laguna e separato dal mare aperto da isolotti e banchi di sabbia fine. Le forme di vita marine erano numerose e molto particolari. La loro presenza in questo luogo è oggi testimoniata dall’abbondanza di fossili che il lavoro paziente di paleontologi ha riportato alla luce. Fossili unici al mondo che hanno permesso al Monte San Giorgio, quale sito transnazionale fra Svizzera e Italia, di essere inserito nella lista dei Patrimoni Mondiali dell’umanità UNESCO.

 

Passeggiando sul Monte San Giorgio, mentre ammirate gli incantevoli panorami a lago godibili da Serpiano e dalla vetta, mentre assaporate la frescura dei boschi e pregustate una sosta presso l’Alpe di Brusino o in una delle cantine vitivinicole che si trovano tra Rancate e Meride, intanto che vagate con lo sguardo per leggere i contorni della catena delle alpi… non dimenticate di ricordare che proprio in quei luoghi, così piacevoli, un tempo vi era un mare, abitato da creature fantastiche che potrete avere il piacere di conoscere sostando per una visita presso il Museo dei Fossili a Meride.

 

Il Monte San Giorgio è facilmente raggiungibile da Mendrisio con i mezzi pubblici. Particolarmente spettacolare è una risalita con la funivia da Brusino Arsizio sino a Serpiano, terrazzo panoramico situato a 650 metri di quota.

 

SPECIALE PER BAMBINI - Un mare di ricordi

Secondo una leggenda l’isola di Atlantide è sprofondata in mare mentre, al contrario, gli studi di paleontologia e geologia ci indicano che il Monte San Giorgio, una splendida piramide verde a cavallo del confine italo svizzero e più precisamente tra il Mendrisiotto e il Varesotto, è emerso dalle acque di quella laguna che si trovava nel mare della Tetide. Un luogo che racconta la storia di un mare i cui ricordi ci sono tramandati dai reperti fossili recuperati e oggi esposti al museo dei fossili del Monte San Giorgio a Meride. Un tesoro che è stato inserito nella lista dei Patrimoni Mondiali dell’Umanità da UNESCO, l’organizzazione mondiale che, tra l’altro, attribuisce valore a quanto di più importante e unico esiste sul nostro pianeta.

 

 
 

Contatti

Fondazione Monte San Giorgio
6866 Meride
Tel.: +41 91 640 00 80
Fax: +41 91 646 17 37